20 FEBBRAIO 2013

Una sfilata in verticale sul Castello Sforzesco

Quest'anno apertura inaspettata per la settimana della moda di Milano: sfilata verticale sulla facciata del Castello Sforzesco. Abbiamo srotolato un enorme green carpet a forma di guanto che è diventato la passerella della nostra attivista-climber.
Con questa azione, rilanciamo la sfida alle 15 case d'Alta moda presenti nella nostra classifica “The Fashion Duel”. Stiamo chiedendo alle maggiori griffe di impegnarsi nell’unica vera tendenza che rispetta il Pianeta: una moda non contaminata da deforestazione e sostanze tossiche.

Finora solo Valentino Fashion Group si è impegnato per raggiungere gli ambiziosi obiettivi Deforestazione Zero e Scarichi Zero nelle propria produzione. Altri come Ferragamo, Armani, Luis Vuitton e Dior hanno mostrato trasparenza rispondendo ai nostri questionari ma con impegni solo parziali.

Zero in condotta per Prada, Dolce&Gabbana, Chanel ed Hermés: nonostante le ripetute richieste queste quattro aziende si sono rifiutate di fornire le informazioni necessarie a una valutazione.

Ma gli impegni a metà non sono abbastanza. Non rispondere non è un’opzione. È ora di darsi una mossa. Se sono queste aziende a dettare le nuove tendenze in tutto il mondo devono capire che per la prossima stagione l’unico must-have è una moda senza distruzione.

Il guanto verde della sfida è diventato l’accessorio più cool del momento: in migliaia hanno già sfidato il mondo della moda firmando la nostra petizione su thefashionduel.com.

Chiedi anche tu alle case di moda di ripulirsi. Registra il tuo video e diffondilo sui tuoi social network. La moda è troppo bella per costare qualcosa al Pianeta.

Chiara Campione, responsabile progetto The Fashion Duel

Ivan
Guanti di sfida0

Lancia la sfida anche tu

Con la tua adesione, invierai un'e-mail automatica alle aziende per chiedere una moda più pulita.
Inserisci i tuoi dati e riceverai informazioni
via e-mail e telefono su questa
e altre campagne di Greenpeace.

oppure

*Campi obbligatori

E-MAIL*

E-mail non corretta
LOADING
INVIA